News

Venerdì 04/10/2002

L’agente addetto alla sicurezza stradale può disporre la revisione della patente, a sua discrezione.

Il Tribunale ha rilevato che, ai sensi dell’art. 128 del Codice della Strada, è possibile disporre la revisione della patente di guida ogniqualvolta l’irregolare comportamento di guida del conducente lasci presumere che egli non abbia l’idoneità psico-fisica e tecnica alla guida. Con questa decisione viene rafforzata la discrezionalità degli agenti addetti alla sicurezza stradale, nel disporre il provvedimento della revisione della patente: non sarà necessaria, infatti, una particolareggiata esposizione dei motivi che hanno indotto gli agenti ad adottare tale provvedimento. Cade, quindi, uno dei principali motivi, ovvero la carente o insufficiente motivazione, sui quali si fondava, fino ad oggi, il ricorso gerarchico al T.A.R., avverso il provvedimento di revisione del documento di guida.