News

Venerdì 10/01/2003

Nullità della delibera condominiale relativa all’installazione di una radio-base per la telecomunicazione mobile.

Con la decisione in commento, il Tribunale di Milano ha statuito che la posa di una stazione radio-base per la telecomunicazione mobile, sul lastrico solare di un edificio condominiale, costituisce un’opera nuova che altera, in modo pregiudizievole, la cosa comune. Ne deriva che la relativa delibera assembleare è nulla perché in contrasto con il disposto dell’art. 1120, comma 2, c.c., secondo il quale: “sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino”. Secondo il Tribunale di Milano, l’installazione di un impianto di dimensioni rilevanti avrebbe comportato “[…] un’indubbia disarmonia e di conseguenza un’alterazione al decoro architettonico, che nella specie assumeva maggior rilievo, avendo l’edificio particolare pregio in quanto progettato da un noto architetto […]”. Il Giudice ha inoltre aggiunto che la nullità della delibera assembleare sarebbe comunque derivata dal contrasto con il diritto dei condomini alla tutela della salute (art. 32 Cost.), costituzionalmente garantito: i partecipanti al condominio, infatti, non sarebbero stati informati circa i rischi sulla salute derivanti dalla installazione dei ripetitori.