News

Giovedì 15/05/2003

La Cassazione amplia il raggio d’azione della Legge n. 89 del 24.03.2001 (Legge Pinto) sulla previsione di un’equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo.

prima sezione della Corte di Cassazione, nella citata recente pronuncia, contribuisce a delineare in maniera sempre più compiuta il panorama giurisprudenziale in riferimento alla Legge Pinto, la n.89 del 2001, relativa alla previsione di un’equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo civile, amministrativo o penale, garantendone una più amplia applicazione. Secondo la Cassazione nessun argomento appare idoneo a sostenere un’interpretazione restrittiva della Legge Pinto, in quanto non è prevista alcuna riserva a favore dei soli vincitori del diritto all’equa riparazione. Lo stesso tenore letterale della Legge n. 89 del 2001, all’articolo 2, garantisce il diritto all’equa riparazione a chiunque, a fronte del mancato rispetto del termine ragionevole abbia subito danni patrimoniali o non patrimoniali, senza alcuna distinzione. A nulla rileva l’esser, nel giudizio che si è protratto oltre un termine ragionevole, parte vittoriosa o soccombente, risultando la legittimazione ancorata esclusivamente al danno subito a causa del ritardo. Una interpretazione restrittiva del diritto all’equa riparazione contrasterebbe inoltre con la stessa giurisprudenza comunitaria, in linea con il riconoscere a tutte le parti in giudizio, senza distinzione alcune, il diritto all’equa riparazione per il mancato rispetto del termine ragionevole del processo. Ostativo al riconoscimento del diritto ad un’equa riparazione l’articolo 2, comma 2, della Legge n. 89/2001, che consente al giudice, nell’accertamento della violazione del termine ragionevole del processo, di considerare la complessità del caso e, in relazione ad essa, il comportamento delle parti, nel quale rileva l’eventuale abuso di tutela giudiziaria, sia in ordine a liti temerariamente iniziate sia in relazione a ipotesi di resistenza temeraria a liti iniziate dal altri.