News

Martedì 26/07/2005

Approvato in prima lettura alla Camera il testo unico di riforma del diritto di famiglia

Sulla scorta di questo principio molte sono le novità previste. Innanzitutto, la casa familiare, essendo preponderante l’interesse del minore, viene persa se cessa di abitarvi stabilmente; in secondo luogo, essendo esercitata da entrambi i genitori la potestà sui figli, entrambi devono provvedere al loro mantenimento, in misura proporzionale al rispettivo reddito. Qualora i figli siano maggiorenni a carico, l’assegno, senza alcun tipo di intermediazione, deve essere versato direttamente al figlio. Infine, pesanti sanzioni sono previste a carico dei genitori in caso di trasgressione: dal risarcimento del danno al minore e/o all’altro genitore a sanzioni amministrative da € 75 a € 5.000, e, se l’assegno non viene versato per più di tre mesi, la responsabilità diventa penale.