News

Martedì 25/10/2005

I giudici possono ridurre d’ufficio le penali

Questa interpretazione dell’art. 1384 c.c. fa seguito ad una sola pronuncia precedente – n. 10511/1999 – e si spiega in base ad un duplice ordine di motivi. Innanzitutto, la Suprema Corte ha ritenuto che da tempo è prassi ritenere la domanda di riduzione sia implicita nell’assunto di parte di nulla dovere a titolo di penale oppure di ritenere la relativa eccezione proponibile in appello. In secondo luogo, l’orientamento maggioritario, che negava il potere del giudice di ridurre d’ufficio le penali, appare ormai inadeguato alla luce dei principi del codice civile letti secondo le norme costituzionali.