Ultime news

La recente pronuncia della Cassazione sul soggetto attivo del reato di rivelazione di segreti inerenti a un procedimento penale

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 47210 del 28.12.21, ha espresso il seguente principio di diritto: “L'art. 379-bis cod. pen., prima ipotesi, trova applicazione esclusivamente nei confronti delle persone che, in assenza delle relative qualifiche funzionali di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio, non sono già tenute all'obbligo del segreto di cui all'art. 329 cod. proc. pen., la cui violazione trova sanzione nell'art. 326 cod. pen.; partecipazione ed assistenza attengono alle fasi di formazione o di messa in esecuzione dell'atto processuale promanante tanto dall'autorità giudiziaria o da suoi delegati ed ausiliari quanto dal difensore nell'ambito delle indagini difensive ma non a quelle della ricezione dell'atto stesso o di soggezione ai relativi effetti”.

Vedi

Il parere del Garante della privacy sulle misure riguardanti il Super Green Pass

Il Garante della Protezione dei Dati Personali (nel testo, “Garante”, “Autorità” o “Authority”) con provvedimento del 13 dicembre 2021 ha fornito un parere in via d’urgenza, così come previsto dal Regolamento 1/2000 (sull’organizzazione e il funzionamento dell’ufficio del Garante per la protezione dei dati personale), volto a permettere l’applicazione di alcune disposizioni del D.L. 26 novembre 2021, n. 172, inerenti alle certificazioni verdi Covid-19 e agli obblighi vaccinali imposti ad alcune categorie di lavoratori.

Vedi

I figli dei genitori omosessuali hanno diritto ad ottenere un regolare documento di identità ed un passaporto dallo stato membro ospitante

Il caso trae origine dal rifiuto opposto dalle autorità bulgare alla richiesta di rilascio dell’atto di nascita per una bambina dell’età di due anni, nata in Spagna e figlia di due donne: una di nazionalità bulgara e l’altra di nazionalità inglese. L’atto era necessario per il rilascio del documento di identità della bambina. A supporto della richiesta era stato prodotto un estratto del registro dello stato civile di Barcellona (Spagna), relativo all’atto di nascita della bambina, dove le due donne erano state indicate come genitori. Tuttavia il Comune di Sofia rifiutava il rilascio del documento di identità, non essendo previsto in Bulgaria il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Vedi